Privacy please!

Da adolescente ero molto attratta dalle chat e dal mondo virtuale. Quel mondo che ci permette di essere noi stessi, di trasformarci in ciò che vorremmo essere o di apparire come gli altri ci vogliono vedere.

Non era necessario avere un profilo ma bastava un’immagine qualsiasi, uno pseudonimo/ nickname e una password. Questo permetteva di mantenere un po’ di più l’anonimato.

La Mara che ogni mattina si collegava alla chat era un’adolescente serena, brillante, spensierata e con una smisurata voglia di essere al centro dell’attenzione, cosa che le riusciva benissimo.

Mi ero creata una cerchia di amici virtuali (alcuni in seguito li ho conosciuti realmente) con i quali mi sentivo me stessa e potevo raccontarmi senza il timore di esser giudicata.

Quando sei adolescente, sei alla continua ricerca di una tua identità. Non vuoi essere paragonata a nessuno. Vuoi spiccare per ciò che sei ma non sai ancora bene chi sei.

Il vantaggio della chat era che, trattandosi di profili anonimi nessuno si conosceva e quindi non esistevano pregiudizi. E stava a noi presentarci e farci accettare per ciò che eravamo.

Anche oggi credo sia così per gli adolescenti oltre che essere un modo più rapido per restare in contatto con gli amici e conoscerne di nuovi.

Diamogli fiducia e facciamogli fare le loro esperienze. L’importante è che sappiano che a casa c’è qualcuno che li ascolta e non che la tecnologia faccia le veci del genitore come una babysitter.

Quando si sa che tra le mura di casa c’è possibilità di dialogo, non c’è motivo per aver paura quando si è altrove.

La fiducia va coltivata fin dall’infanzia.

La chat che frequentavo era piena di moderatori che, al primo sgarro, sbattevano fuori chi non seguiva le regole. Questo era rassicurante. La possibilità di imbattersi in malintenzionati c’era anche a quei tempi (metà anni ’90) ma credo che il rischio sia proporzionale all’abuso che si fa di questi mezzi. Oggi eccessivo. E mi permetto di dirlo perché fino a qualche mese fa io stessa ero una “facebook addicted”.

Oggi il cellulare permette a chiunque di collegarsi ovunque senza limiti di tempo mentre una volta, spento il PC, il mondo virtuale cedeva nuovamente lo spazio al mondo reale, per fortuna.

La sostanziale differenza tra ieri ed oggi è che il profilo resta visibile a tutti e se qualcuno non può vederlo, basta fare un copia e incolla.

Ci siamo rovinati con le nostre mani perché quello che potrebbe essere il più valido dei mezzi di comunicazione si è trasformato in una trappola in cui vengono imprigionate tutte le nostre informazioni personali.

Ed è proprio qui che volevo arrivare perché purtroppo spesso, per orgoglio o euforia, si fa l’errore di pubblicare immagini di bambini.

Ci tengo a sensibilizzare tutti i genitori su questo delicatissimo argomento perché l’immagine di un bambino, oltre che essere utilizzata per fotomontaggi con scopi poco ortodossi (per esempio la pedopornografia online), sono anche un’esca perfetta per i pedofili.

Infondo nei profili dei social network uno psicopatico trova tutte le informazioni che gli servono per arrivare dove vuole: foto, nome e cognome e luogo da dove si sta pubblicando.

Non sottovalutiamo MAI queste persone. Non pensiamo MAI che a noi non potrebbe accadere. Non illudiamoci MAI che il rischio di finirci in mezzo è troppo basso.

I rischi sono altissimi e la cronaca lo dimostra.

Noi siamo gli adulti, siamo quelli che dovrebbero avere il buonsenso e il dovere di tutelare i bambini per cui SMETTIAMOLA di metterli in piazza come un trofeo e proteggiamoli esattamente come faremmo se un malvivente per strada vi si avvicina con lo scopo di portarveli via.

20151129_social-networks.png
Immagine presa dal web

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Stefano ha detto:

    Come spesso accade sono pienamente d accordo con maretta s blog!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...