Nulla accade per caso

Dopo un po’ di tempo che non ci vedevamo, io e la mia amica Barbara ci siamo date appuntamento per una cena e quattro chiacchiere.

Ci hanno assegnato un tavolo. Stavamo per sederci ma mi sono accorta che c’era un altro tavolo più appartato e così ci siamo spostate lì.

Poi mi cade l’occhio sulla riservazione. All’inizio mi sono solo preoccupata per aver rubato il posto a qualcuno, poi ho notato il nome: GINO. È il nome che amici e conoscenti usavano per chiamare mio papà!

Credo molto nel destino e quel bigliettino per me, in quel momento aveva un solo significato: al tavolo non eravamo in 2 ma in 3.

Molti pensano che questo sono sciocchezze a cui si aggrappa le persone tristi per consolarsi. Io penso invece che siano dei segnali che che certe persone sono predisposte a cogliere per ritrovare la propria pace interiore.

E comunque ognuno di noi è libero di vivere il proprio dolore e cercare il proprio percorso di “guarigione” come meglio crede. Ovviamente con ottimismo!

11010949_10205016283741306_7971882140655973626_n.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...